SPAZIO PREMIUM LIBERO!



Sei in: Home » Dituttounpo'

Legge di bilancio 2020, da quota 100 alla flat tax.

Pubblicato il: 01-10-2019


Da La nazione:
Legge di bilancio, cinquanta miliardi di investimenti spalmati su un orizzonte pluriennale. Oltre quattordici miliardi di flessibilità, pari allo 0,8 del Pil (il rapporto deficit/Pil, infatti, è fissato per il 2020 a 2,2%, contro l’1,6% del patto europeo), che, insieme a 7 miliardi di recupero dell’evasione fiscale, permetteranno di sterilizzare l’aumento Iva. Con i margini che restano, il governo punterà sull’abbattimento del cuneo fiscale a vantaggio dei dipendenti (2,7 miliardi circa, il primo anno, altri 10 nei due successivi), finanzierà il bonus per chi usa le carte di credito e interverrà su scuola e sanità. In tutto la manovra 2020 vale circa 30 miliardi: 23 per sterilizzare l'aumento dell'Iva e 7 di interventi su altri settori.
Il Governo punta 2,7 miliardi, per iniziare, sul taglio del costo del lavoro (il cosiddetto ‘cuneo fiscale’) a favore di tutti i dipendenti italiani sotto i 26mila euro di reddito lordo. Nel 2021 la posta sale a 5 miliardi di euro (pari allo 0,3% del Pil). Si parte a maggio o giugno, lo sconto riguarderà non solo i neoassunti, ma tutti i lavoratori dipendenti sotto la soglia di reddito definita: ogni persona potrà ritrovarsi in busta paga fino a 1.500 euro annui in più, cioè 125 euro al mese.
Quota 100 (così come il reddito di cittadinanza) sarà confermata, ma solo fino alla sua scadenza prevista, il 2021. Quindi – come hanno promesso sia il premier Conte sia il ministro Gualtieri – i fondi sono confermati anche per il 2020, consentendo a chi lo vorrà di anticipare l’uscita dal lavoro di qualche anno. Il Governo, sulla scorta dei numeri registrati finora, prevede di non dover spendere tutti i fondi stanziati, che verrebbero quindi utilizzati in futuro per altre misure.
Versione 'mini' per gli autonomi

La Flat tax resterà "mini". C’è la conferma, infatti, per le partite Iva con redditi sotto i 65mila euro l’anno, ma la misura - cavallo di battaglia della Lega Nord – non sarà estesa a 100mila euro nel 2020, come invece aveva in mente di fare l’esecutivo gialloverde. "Non siamo per la flat tax - ha detto chiaramente ieri il ministro Gualtieri - ma non è serio togliere una misura tutta d’un colpo, per cui la soglia a 65mila euro è confermata ma non sarà estesa".
Ce ne parla Leonardo Franceschi.

Camera di Commercio